Home Rubriche News dalle regioni A Pescara: Sise delle Monache il dolce di Giardiagrele!

A Pescara: Sise delle Monache il dolce di Giardiagrele!

Le Sise delle Monache sono dolce tipico di Guardiagrele,meraviglioso paese,ai piedi della Majella Madre.
Gabriele D'Annunzio,abruzzese di Pescara, definì Guardiagrele  la “Terrazza d’Abruzzo”.

Pescara rende omaggio alle tre Sise delle Monache,con una iniziativa,che è stata denomiata Sise Pride.Duie artisti,Sise Pride, i designer Elisabetta di Bucchianico e Dario Oggiano di Arago Design,sono i promotori dell'iniziativa,che si svolgerà nell'atmosfera,un po' vintage,di Via delle Caserme.Domenica 29 luglio in un suggestivo percorso si potranno ammmirare le tante interpretazioni,legate a questo dolce simbolo dell’Abruzzo.

Ci sarà un   monile  di ceramica, la spilla 3 SISE, in versione base e in edizione luxury con riflessi in Oro   22   carati, e  una  nuova  linea di  accessori   per   la   tavola,con   un   inedito decoro “tipicamente” guardiese.

il Sise Pride è patrocinato dal Comune di Pescara,e l'assessore ai grandi eventi,Giacomo Cuzzi,rammenta che questa iniziativa va nella direzione di far conoscere il nostro patrimonio entnografico.

elisabetta di bucchianico dario oggiano.jpg - 31.20 KbDescrizione dell''iniziativa by  Elisabetta di Bucchianico e Dario Oggiano

La serata di celebrazione del dolce guardiese parte dal racconto della Storica Pasticceria Emo Lullo di Guardiagrele, partner del progetto, che oltre alla degustazione del dolce tradizionale, guiderà il pubblico in un viaggio fatto di storia e aneddoti, che sottolineano il valore materiale ed immateriale dell'antica prelibatezza. Il percorso sarà inoltre rappresentato dalla Mostra di illustrazioni dell'artista Antonio Spinogatti.

A dimostrazione di quanto una risorsa culturale possa tradursi in energia creativa e opportunità imprenditoriale, vengono presentati i contributi di Arago Design, quelli dello Chef Roberto Mastrocola, giovane e talentuoso chef al timone del ristorante Mastro Cibo e Cucina, che arricchirà la sua ricerca gourmet, maturata nella scuola di Niko Romito, di un'evocazione inconsueta e accattivante del dolce protagonista della serata, proponendo una degustazione di finger food salato che con innovazione strizza l’occhio alla tipicità delle Sise delle Monache.

Ci sarà anche il Bartender Francesco Novelli, del Different di Corso Manthoné, il quale, nello spirito che identifica la sua costante ricerca, presenterà un cocktail ispirato alle Sise delle Monache in cui si condensano un insolito connubio tra la dimensione contemporanea delle notti metropolitane, e l'evocazione di sensazioni arcaiche provenienti dal verde e dai profumi della Majella.

La serata, animata da azioni dimostrative, sarà accompagnata dalle sonorità del jazzista Piero Delle Monache in Il sax Delle Monache e dai gusti unici della selezione di Vini della pluripremiata Cantina Tenuta i Fauri”.

La dolcezza delle sise ...

E' sufficiente che nei primi anni della vita si siano assaggiate le Sise delle Monache, perché resti inciso nell'immaginario un ricordo condiviso con gli altri “fratelli di Sise”, e che ci lega indissolubilmente alla memoria del rito di un viaggio, che si conclude con il morso
alla morbidezza impalpabile del pan di Spagna profumato di vaniglia, ripieno di
 crema e spolverato da un'ingestibile quantità di zucchero a velo.

D'altra parte, per chi non ha avuto la fortuna di conoscere tale dolce nell'età degli imprinting emozionali, e lo assaggia a maturità già avvenuta, resta il fascino di una specialità antica e misteriosa, legata ad un singolo luogo.

sise pride locandina.jpg - 46.09 KbChi osserva le Sise delle Monache da un punto di vista “oggettivo” insomma, 
resta colpito dalla spiccata natura di tipicità estrema e di conseguenza dalla 
loro preziosità.

Nelle Sise delle Monache di Guardiagrele, si condensano tanto la potente ricchezza emozionale di un dolce “dei ricordi”, quanto l'enorme valore storico di una tipicità che per varie ragioni può essere gustata solo in uno 
specifico luogo. Ne Le Sise delle Monache si rintracciano quindi tutti gli elementi fruibili da un creativo, in grado di alimentare una progettualità capace di produrre
trasposizioni di un'icona in “altri oggetti” comprensibili e apprezzabili da molti.

L'idea del progetto

Era il 2015 quando Arago Design e SPAZIOARDE organizzavano a Pescara vecchia il Neola Pride, creatività formato cialda.

In quell'occasione venivano raccolte e presentate svariate forme di creatività imprenditoriale, artistica, culinaria professionale o domestica, ruotanti intorno ad un'icona indiscussa della cultura gastronomica abruzzese e dei territori limitrofi: la ferratella, o neola, o pizzella....

Il Neola Pride, partiva insomma dal sottolineare il valore tangibile di un simbolo noto, declinato in forme talvolta inedite o poco conosciute, ma realmente presente nell'odierna quotidianità.

Nel caso del Sise Pride, la faccenda è un po' diversa, poiché questa volta il 
tema su cui si confrontano i creativi è un oggetto di “nicchia”, noto a molti, ma non a tutti.

Pertanto i frutti dell'ispirazione generata dalle Sise delle Monache portano in prima battuta ad una loro maggior diffusione nella cultura di massa e successivamente diventano strumento che genera attenzione verso un territorio che da ristrettissimo, si amplia progressivamente all'Abruzzo e poi all'Italia.

Nota conclusiva

Perché si chiamano Sise... Perché sono tre? 
Secondo una leggenda,l'idea sarebbe ispirata dalle monache,che per pudore,mettevano al centro del petto una sorta di cuscinetto,sotto l'abito,per nascondere la propria femminilità... l'impressione era di  Tre seni,appunto!
Ma,sembra,che il dolce sia ispirato dalle tre grandi montagne della Majella del Gran Sasso e del Sirente Velino, i tre massicci,più altri dell'Appennino.
Il dolce,infatti, è conosciuto anche con denominazione i Tre Monti


 


 
Banner
Online
 54 visitatori online
Utenti : 2
Contenuti : 7914
Tot. visite contenuti : 16979397

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se non vuoi acconsentire all'uso dei Cookies puoi uscire dal sito oppure disattivarli direttamente dal tuo browser, ma non avrai garanzia d'accesso a tutti i contenuti del sito. Per ulteriori informazioni, clicca sulla nostra pagina privacy policy.