Home Rubriche PAC 2014/ 2020 Misura 1.3.3 - Montepulciano, piacere d'Abruzzo!

Misura 1.3.3 - Montepulciano, piacere d'Abruzzo!

Grazie alla Misura 1.3.3. del PSR 2007 - 2013, il Consorzio di Tutela dei Vini d'Abruzzo, insieme al Consorzio DOCG Colline Teramane ed al Consorzio della DOC Tullum, ha potuto finanziare la campagna per la nuova immagine del Montepulciano d'Abruzzo.

Dopo il conseguimento di questa importante meta, si è sentito il bisogno di alzare l'asticella, e vincere un'altra importante sfida: aumentare la percezione di questo straordinario vino nell'immaginario collettivo.
La campagna per la nuova immagine del Montepulciano d'Abruzzo è coordinata dall'agenzia Pomilio Blumm, che si è avvalsa della collaborazione del sociologo prof. Renato Mannheimer, che conil suo Istituto per gli Studi sulla Pubblica Opinione ( ISPO ) ha effettuato uno studio su quanto sia conosciuto il  Montepulciano d'Abruzzo e su come sia percepito dal campione, preso in esame per genere, età,area geografica di residenza.
Il risultato dell'indagine spiega che il Montepulciano d'Abruzzo  appare molto tra gli italiani, che affermano di berlo spesso ( tre su dieci )  e quasi quattro su dieci hanno affermato di degustarlo almeno raramente, per un totale di 72%( di bevitori del Montepulciano d'Abruzzo )

Queste le domande poste:

1 - Parliamo di qualità. lei conosce il Montepulciano d'Abruzzo, un vino DOP, proveniente dal Vitigno Montepulciano e prodotto in Abruzzo ... Da non confondersi con il Vino Nobile di Montepulciano, prodotto in Toscana, nel comune omonimo?

2 - Ora le leggerò alcune affermazioni riferibili al Montepulciano d'Abruzzo. Per ognuna, le chiedo di dirmi quanto è daccordo: se molto, abbastanza,poco, per nulla! BAse casi:316, chidichiara di bere il Montepulciano d'Abruzzo ( spesso/talvolta/raramente )

In sintesi:

Il Montepulciano è meno conosciuto dai giovani, tendezialmente con un budget limitato e meno esperienza in fatto di vini.
Chi lo conosce meglio  lo valuta positivamente per tutti gli aspetti indagatti e soprattutto per versatilità ( 90% ) unicità del gusto ( 88% ); reperibilità
( 83%); capacità di rappresentare l'eccellenza dei rossi italiani ( 83% )
Il dato indica la strada da percorrere, per conquistare nuovi consensi.

 

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.
>

Il prof. Mannehimer ed il suo ISPO hanno indagato anche il gradimento del nuovo visual, cioè dell'immagine alla quale è affidata la nuova comunicazione, e la conclusione è che piace molto agl'italiani, in particolare perché attira alla lettura del contenuto nella bottiglia ( 81%) e perché risulta essere un'immagine suggestiva, rispetto alle tendenze di comunicazione sui vini ( 79% ); si adatta bene ad un grande rosso( 79%); evoca un prodotto di genade qualità (79% )

La serata di presentazione del nuovo visual si è svolta a Chieti, nello splendido Teatro Marrucino; è stata presentata da Fede e Tinto, popolari conduttori di Decanter - Radio2-Rai; ha visto la partecipazione di autorevoli rappresentanti della stampa specializzata: Tim Atkin ( GB) Veronica Maria Crecelius ( Germania );Thomas Ilkjaer ( esperto area scandinava ); Giorgio Dell'Orefice ( il Sole 24 Ore )

Nel servizio, estratto dalla puntata 754 di Agricoltura Oggi tv, ci sono le dichiarazioni del presidente del Consorzio dei Vini d'Abruzzo, Tonino Verna; dell'Assessore Politiche Agricole della Regione Abruzzo, Mauro Febbo; di Veronica Maria Crecelius; Giancarlo Di Ruscio, Presidente del Consorzio Doc Tullum;Alessandro Bocchetti,giornalista de il Gambero Rosso

 
Banner
Online
 83 visitatori online
Utenti : 2
Contenuti : 7206
Tot. visite contenuti : 13534982

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se non vuoi acconsentire all'uso dei Cookies puoi uscire dal sito oppure disattivarli direttamente dal tuo browser, ma non avrai garanzia d'accesso a tutti i contenuti del sito. Per ulteriori informazioni, clicca sulla nostra pagina privacy policy.